Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Carolina Marconi " Sempre con il sorriso", la recensione di Mani sul Cuore

Carolina Marconi, dopo il tumore al seno, ci svela le sue emozioni

Carolina Marconi, showgirl molto amata dal pubblico, ci ha anticipato i contenuti del suo libro d’esordio svelandoci le emozioni e i dettagli della sua vita nel percorso di cura del tumore al seno, scoperto per caso durante una mammografia a lungo rimandata. Il libro, in uscita domani, è ‘Sempre con il sorriso’, edito da Piemme.

La mammografia. Avevo dimenticato il controllo annuale per le solite ragioni, quelle che possono capitare a chiunque: impegni di lavoro, un viaggio, le mille cose della vita. Poi c’era stato il Covid, il lockdown. E chi aveva voglia di andare in ospedale nel periodo appena successivo? Sono sicura che sia stato il pensiero di molte donne. Così, era passato parecchio tempo dal mio ultimo referto. Alla fine ho prenotato la mammografia.

Parte da qui, oltre che dal forte desiderio di diventare mamma, il racconto d’esordio, autobiografico, sincero e commovente di Carolina Marconi che, dopo la partecipazione al Grande Fratello, è diventata un volto noto del piccolo schermo. Oggi è una showgirl molto amata, con un pubblico di fan affezionatissimi che la seguono ogni giorno sui social. L’abbiamo conosciuta e amata fin dal primo incontro anche noi di Mani sul Cuore e la ringraziamo molto per averci mandato in anteprima il suo primo libro, dal titolo ‘Sempre con il sorriso – la storia della mia battaglia più difficile’ per Piemme Edizioni, da domani in libreria.

Fatta la mammografia il racconto riprende perché il medico, durante l’esame, nota qualcosa che non va. Che sia la protesi rotta? Meglio capire con una ecografia. Nessuna rottura del dispositivo, spunta invece un nodulino, minuscolo. Il resto è la sua ‘nuova vita’ di Carolina, che inizia con un trauma, la scoperta del tumore, ma ritrova e vive con il (coraggioso) sorriso. Carolina mostra, oltre che abili doti nel saper raccontare le emozioni più profonde e sincere, grande coraggio e forza da vendere nell’affrontare il percorso di cura dal tumore al seno. 

Dopo una iniziale e comprensibile battuta d’arresto, infatti, inizia a ‘combattere’ mantenendo il sorriso, e con lei ci sono l’uomo che la ama e la famiglia che non la lascia mai sola. Inoltre, in cuor suo, ha una certezza: se non avesse fatto quelle indagini, messe in conto per intraprendere alcune cure ormonali per riuscire ad avere un bambino, forse avrebbe aspettato ancora del tempo, troppo.

Ad aiutarla perciò, spiega in prima persona, c’è la certezza che quel bambino ‘desiderato’ l’abbia salvata.

 

Il saggio è un vero e proprio inno alla vita di Carolina che si mette a nudo nel momento più difficile. L’esempio e il suo sorriso ritrovato con tenacia sono utili e perfino terapeutici a chi di noi sta vivendo un percorso simile e sono un invito a tutte le donne affinché non si scoraggino mai.
La vita di Carolina prosegue e ora, finita la chemioterapia, con la stessa tenacia avuta fino ad oggi dichiara di ripensare all’idea e al percorso da seguire per diventare madre col suo compagno Alessandro Tulli.

Condividi sui tuoi social:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Potrebbe interessarti anche:
Isabella Sannipoli METAMORPHOSEON, 2022

Quando l’arte cura: raccontando il tumore al seno

Barbara Amadori, insegnante di sostegno, laureata all’Accademia di Belle Arti di Urbino e da sempre appassionata di arte contemporanea, nel 2019 ha ricevuto la diagnosi di tumore al seno. Durante il percorso di cura ha sentito il bisogno di comunicare attraverso il linguaggio dell’arte la malattia. L’abbiamo intervistata per farci raccontare come è nata l’idea, e come è stata realizzata, della mostra ‘Arte come cura’ inaugurata a Città di Castello (Umbria) il marzo scorso ma che tornerà dal 7 al 29 maggio al Museo Casa Cajani di Gualdo Tadino. La mostra è stata realizzata grazie alla collaborazione con l’Aacc – Associazione Altotevere contro il cancro. Nella photo-gallery alcune opere delle 15 artiste che hanno partecipato.

Leggi articolo >>
Influencer e chirurgia estetica

Influencer e chirurgia estetica, esplode il fenomeno sui social. Allarme dei medici Aicpe.

Non solo l’affollamento di foto del ‘prima e del dopo’ intervento sui social. Beauty advisor, skin-influencer, decessi, denunce e filler iniettati online dal bagno di casa complicano il quadro. La fotografia di come la chirurgia estetica corre sui social in Italia e di quanto ci sia bisogno di una informazione più puntuale è delineata in occasione della tavola rotonda ‘L’autorevolezza social: like e curriculum a confronto’ mirata all’informazione come servizio che va oltre la pubblicità, in corso oggi a Sorrento in occasione del 9° congresso nazionale di Aicpe, Associazione italiana chirurgia plastica ed estetica. La tavola rotonda è a cura di ManiSulCuore.it

Leggi articolo >>