Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Carolina Marconi " Sempre con il sorriso", la recensione di Mani sul Cuore

Carolina Marconi, dopo il tumore al seno, ci svela le sue emozioni

Carolina Marconi, showgirl molto amata dal pubblico, ci ha anticipato i contenuti del suo libro d’esordio svelandoci le emozioni e i dettagli della sua vita nel percorso di cura del tumore al seno, scoperto per caso durante una mammografia a lungo rimandata. Il libro, in uscita domani, è ‘Sempre con il sorriso’, edito da Piemme.

La mammografia. Avevo dimenticato il controllo annuale per le solite ragioni, quelle che possono capitare a chiunque: impegni di lavoro, un viaggio, le mille cose della vita. Poi c’era stato il Covid, il lockdown. E chi aveva voglia di andare in ospedale nel periodo appena successivo? Sono sicura che sia stato il pensiero di molte donne. Così, era passato parecchio tempo dal mio ultimo referto. Alla fine ho prenotato la mammografia.

Parte da qui, oltre che dal forte desiderio di diventare mamma, il racconto d’esordio, autobiografico, sincero e commovente di Carolina Marconi che, dopo la partecipazione al Grande Fratello, è diventata un volto noto del piccolo schermo. Oggi è una showgirl molto amata, con un pubblico di fan affezionatissimi che la seguono ogni giorno sui social. L’abbiamo conosciuta e amata fin dal primo incontro anche noi di Mani sul Cuore e la ringraziamo molto per averci mandato in anteprima il suo primo libro, dal titolo ‘Sempre con il sorriso – la storia della mia battaglia più difficile’ per Piemme Edizioni, da domani in libreria.

Fatta la mammografia il racconto riprende perché il medico, durante l’esame, nota qualcosa che non va. Che sia la protesi rotta? Meglio capire con una ecografia. Nessuna rottura del dispositivo, spunta invece un nodulino, minuscolo. Il resto è la sua ‘nuova vita’ di Carolina, che inizia con un trauma, la scoperta del tumore, ma ritrova e vive con il (coraggioso) sorriso. Carolina mostra, oltre che abili doti nel saper raccontare le emozioni più profonde e sincere, grande coraggio e forza da vendere nell’affrontare il percorso di cura dal tumore al seno. 

Dopo una iniziale e comprensibile battuta d’arresto, infatti, inizia a ‘combattere’ mantenendo il sorriso, e con lei ci sono l’uomo che la ama e la famiglia che non la lascia mai sola. Inoltre, in cuor suo, ha una certezza: se non avesse fatto quelle indagini, messe in conto per intraprendere alcune cure ormonali per riuscire ad avere un bambino, forse avrebbe aspettato ancora del tempo, troppo.

Ad aiutarla perciò, spiega in prima persona, c’è la certezza che quel bambino ‘desiderato’ l’abbia salvata.

 

Il saggio è un vero e proprio inno alla vita di Carolina che si mette a nudo nel momento più difficile. L’esempio e il suo sorriso ritrovato con tenacia sono utili e perfino terapeutici a chi di noi sta vivendo un percorso simile e sono un invito a tutte le donne affinché non si scoraggino mai.
La vita di Carolina prosegue e ora, finita la chemioterapia, con la stessa tenacia avuta fino ad oggi dichiara di ripensare all’idea e al percorso da seguire per diventare madre col suo compagno Alessandro Tulli.

Condividi sui tuoi social:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Potrebbe interessarti anche:
ricostruzione seno

Tumore: disatteso il diritto delle donne alla ricostruzione del seno

Sappiamo che nei nostri ospedali la cura del tumore mammario ha percorsi dedicati che includono, nei casi di mastectomia, la ricostruzione del seno. Tutto avviene in modo gratuito per le pazienti e questo è il bello della nostra sanità pubblica ma quanto questo assioma si realizza nel modo migliore per tutte le donne che attraversano la battaglia contro il carcinoma mammario?

Leggi articolo >>
Protesi Mammarie con Microchip

Dopo numeri seriali e istruzioni elettroniche, è la volta dei microchip: la novità e il dibattito sulla sicurezza delle protesi mammarie

Numeri seriali, istruzioni elettroniche e programmi di ‘implant passport’ i principali interventi messi in atto negli ultimi anni anche a cura degli stessi produttori. Più recentemente l’uso di microchip elettronici inseriti all’interno dei dispositivi. Questa ultima novità è al vaglio dei ricercatori, spunta qualche critica e mentre il dibattito tra specialisti è in corso non mancano i dubbi e le domande che le pazienti pubblicano sui forum specializzati sui temi estetici.

Leggi articolo >>
Estetica oncologica

Estetica oncologica, cos’è e perché funziona

Prendersi cura del proprio corpo è fondamentale per il benessere psico-fisico. E quando si affronta una malattia oncologica, come per esempio un tumore del seno, lo è ancora di più. Perché la malattia e le terapie a cui ci si sottopone hanno effetti secondari anche sulla pelle. Ma se, oltre all’oncologo, al chirurgo e al radiologo, ci fosse all’interno dell’equipe multidisciplinare anche un esperto di medicina estetica che potesse seguire la donna durante le varie fasi della malattia?

Leggi articolo >>